« Bombe a grappolo | Principale | Class Action »

giovedì, 05 giugno 2008

Commenti

Feed Puoi seguire questa conversazione iscrivendoti al feed dei commenti a questo post.

Berlusconi ha affermato che per combattere la fame nel mondo occorrono "una maggiore formazione, una più ampia messa a disposizione delle varie tecnologie, con il ricorso agli OGM in tutti i singoli Paesi, dove si deve arrivare ad una possibilità di sopperire autonomamente alle proprie esigenze alimentari. Il futuro non è che nell'auto-produzione di ciascun Paese".

E' vero che ogni paese deve arrivare ad una possibilità di sopperire autonomamente alle proprie esigenze alimentari, però è incompatibile con il ricorso agli OGM, specie nei paesi poveri.
Il principio dello sviluppo agroalimentare autocentrato è vitale tanto per le economie sviluppate quanto per i Paesi del Terzo mondo. Però è solo concentrando gli sforzi nella valorizzazione delle proprie risorse autoctone che essi potranno spezzare la catena del sottosviluppo e contribuire da protagonisti alla globalizzazione.
L’Italia ha l’occasione di porsi alla guida di un fronte internazionale che scelga un sistema agroalimentare come cuore strategico di uno sviluppo capace di fornire risposte più efficaci alla crisi alimentare che nei paesi poveri si chiama fame ma che tocca la vita di milioni di persone anche nei paesi sviluppati.
E’ su questo piano che possiamo fornire ai paesi poveri un aiuto concreto.
Gli OGM sono invece tecnologia e conoscenza brevettata, di proprietà di poche multinazionali e dai costi troppo elevati per chi, specie nei paesi poveri, non ha i soldi neppure per procurare una sufficiente razione quotidiana di cibo per sé e per la propria famiglia.

www.liberidaogm.org

Ho appena firmato una petizione che spinga i leader mondiali ad affrontare la crisi mondiale del cibo che si sta diffondendo. E' una questione importante ed ho pensato che potresti essere interessato a sottoscriverla a tua volta:

Ti sei accorto del fatto che i prezzo dei generi alimentari continuano ad aumentare? Eccone il motivo -- ci stiamo tuffando di testa in una crisi alimentare mondiale. Lo schizzare in alto dei prezzi sta già affamando milioni di persone e innescando rivolte per il cibo. Un esempio tra tutti viene dal Sierra Leone, dove il prezzo del riso è raddoppiato diventanto proibitivo per il 90% della popolazione. Il rischio di inflazione si fa sempre più pressante in tutto il mondo, ed il peggio potrebbe dover ancora a venire. E' necessario agire ora -- prima che sia troppo tardi. Quindi stiamo lanciando una campagna urgente appoggiata da Zainab Bangura, ministro degli esteri del Sierra Leone e sostenitrice dei diritti umani. Clicca sul link in basso per vedere il messaggio video di Zainab e aggiungi il tuo nome alla petizione per la crisi alimentare -- vogliamo raggiungere 200,000 firme entro la fine della settimana per inviare un massiccio richiamo globale ai leader dell'ONU, del G8 e dell'UE:

http://www.avaaz.org/it/world_food_crisis/98.php?cl_tf_sign=1

I commenti per questa nota sono chiusi.

La mia foto

novembre 2016

dom lun mar mer gio ven sab
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
Blog powered by Typepad
Iscritto da 04/2008

Diventa fan

Movimento 5 Stelle